La celiachia, intolleranza alimentare fino a qualche decennio fa sconosciuta ma che oggi conta circa 600 mila persone affette sul solo suolo italiano, potrà essere resa meno stressante grazie ad un pratico apparecchio realizzato da due studenti americani affetti dalla stessa intolleranza alimentare.

Nima, il dispositivo ideale per i celiaci

Chi soffre di celiachia, spesso e volentieri, si trova di fronte ad un grosso problema che tormenta la loro mente, il quale riguarda se poter gustare o meno una determinata pietanza.
Questo per il semplice fatto che la quasi totalità degli alimenti contiene glutine e derivati del frumento che, se assunti dalle persone celiache, potrebbe causare forti dolori allo stomaco ed a lungo andare anche problematiche assai ben più gravi di un semplice mal di pancia.

Per evitare che la vita dei celiaci sia solo composta da pranzi da consumare in casa, due studenti americani del MIT hanno creato il primo dispositivo portatile che permette di scoprire se in un alimento è presente il glutine ed esso prende il nome di Nima.

Il rivelatore di glutine tascabile

Nima è un rivelatore di glutine tascabile di dimensioni abbastanza ridotte che consente quindi di poter essere facilmente trasportato in borse e borselli senza ingombri.
Il prodotto tecnologico è composto da un corpo triangolare il quale possiede un tappo nel quale sarà possibile poter inserire una piccola parte di un alimento.

Esso verrà automaticamente sbriciolato nel momento in cui l’articolo viene richiuso: questo avviene grazie ad una vite che assume appunto il ruolo di parte fondamentale trituratore di cibo.
Una volta che questa particolare operazione viene svolta sarà necessario inserire la capsula mono uso che funge da analizzatore delle varie parti del cibo ed attendere che queste vengano sottoposte ad un attento e corretto esame di identificazione.

Nima è composto anche da un semplice display che permette di capire se quell’alimento contiene glutine oppure se i celiaci possono tranquillamente gustarlo: in questo caso apparirà sullo schermo un volto sorridente che appunto offre la possibilità ad una persona celiaca di poter mangiare quella preparazione senza alcuna problematica.
In caso contrario verrà mostrata la spiga di grano che indica appunto la presenza del glutine tra gli ingredienti utilizzati, che non consente ai celiaci di poter mangiare quel cibo.

La precisione di Nima

Nima non è un oggetto che identifica il cibo con poca attenzione oppure a caso ma, al contrario, si tratta di un articolo che analizza il cibo in modo attento tanto da identificare venti parti di glutine su un milione di componenti presenti in quell’alimento.

Tale dato specifico è quello che viene richiesto dalla Food And Drug Administration statunitense e quindi consente alle persone celiache di poter fare completo affidamento su quel tipo di apparecchio.

Il rivelatore di glutine nel cibo, ovvero Nima, è già disponibile sul mercato ed è caratterizzato da un prezzo pari a 279 dollari con tre capsule, mentre le altre potranno essere acquistate separatamente a prezzi differenti a seconda della quantità selezionata.

http://www.digital-cinema.it/wp-content/uploads/2017/05/intolleranza_glutine.jpghttp://www.digital-cinema.it/wp-content/uploads/2017/05/intolleranza_glutine-150x150.jpgRedazioneTecnologiaLa celiachia, intolleranza alimentare fino a qualche decennio fa sconosciuta ma che oggi conta circa 600 mila persone affette sul solo suolo italiano, potrà essere resa meno stressante grazie ad un pratico apparecchio realizzato da due studenti americani affetti dalla stessa intolleranza alimentare. Nima, il dispositivo ideale per i celiaci Chi...Tecnologia Digitale