Quanto successo l’ 11 Settembre 2001, ha insegnato a tutto il mondo occidentale che la sua sicurezza era un concetto da rivedere. Il sistema di riconoscimento biometrico nella sua capacità di riconoscere l’identità umana può garantire qualcosa di nuovo.

Nuovi problemi chiamano nuove soluzioni

In perfetta coerenza con la galoppante ascesa del progresso tecnologico, il riconoscimento biometrico è in fase di sperimentazione in alcuni dei principali aeroporti degli Stati Uniti. Per ora è una possibilità a cui ricorrere per certificare la fotografia nel passaporto, ma l’implementazione sembra dietro l’angolo.

Un computer per “scoprire” l’unicità umana

Risulta insolito pensare di dover delegare a un procedimento artificiale o a un calcolo matematico, la scoperta dell’unicità di ogni essere umano.
Il discorso diventa più complicato quando alla semplice osservazione e curiosità fisiognomica si antepone la necessità di garantire la sicurezza aerea o monitorare l’ingresso a un istituto di credito. La scienza quindi, viene in soccorso.riconoscimento-facciale

La biometria s’incarica di studiare le misure di un individuo (grandezza del cranio, conformazione dell’apparato scheletrico) e il suo modo di “funzionare” al fine di tracciarne le caratteristiche.

Questa, per così dire, capacità di osservazione, unita ai più moderni sistemi di acquisizione, archiviazione e comparazione audio/video (microfoni, scanner, recorder e computers in genere) crea la base del sistema di riconoscimento biometrico. Questo sistema informatico ha lo scopo di identificare nella maniera più assoluta un individuo partendo dalle sue caratteristiche comportamentali e biologiche, comparandole con quanto precedentemente acquisito dal database di riferimento tramite algoritmi e marker specifici.

Un sistema artificiale che monitora un sistema organico: dalle specifiche agli errori

Varie caratteristiche fisiologiche e comportamentali vengono messe sotto la lente di questa indagine: la retina, la fisionomia del volto, la sagoma della mano, le impronte digitali, la firma (digitale o meno), la voce, la grafia, l’altezza, sono solo alcuni dei principali aspetti catturati e molti di questi hanno un indice di variazione durante la vita molto ridotto.

Ad esempio, l’impronta digitale rimane tale e quale e persino un tentativo di modifica è un procedimento facilmente identificabile da un chirurgo. Per aumentare poi la sicurezza del sistema e limitare il tasso di errore esiste la possibilità di associare più tecniche biometriche facendole cooperare all’interno dei sistemi multi modali.

Privacy e modalità d’utilizzo

Dovendo contare sull’acquisizione di dati sensibili, occorre che il sistema informatico sia il più sicuro possibile, poiché dovrà garantire la confidenzialità delle informazioni contenute e l’integrità delle stesse.

Nondimeno se questi dispositivi potevano risultare appartenere a un mondo fin troppo futuribile, gli scenari geopolitici degli ultimi anni hanno portato un numero sempre crescente di governi mondiali a investire in queste possibilità, adottandole come sistemi di autodifesa in prevenzione di frodi legate all’homebanking, autenticazioni per transazioni di varia natura e sicurezza negli aeroporti.

Oltre ai già citati Stati Uniti, risulta emblematico infine, il caso del governo Australiano che ha deciso di investire nel progetto “Seamless Traveler”, il quale prevede la sostituzione dell’obsoleto passaporto con il riconoscimento biometrico entro il 2019.

Maggiore sicurezza ai terminal e maggiore velocità nell’accedere al proprio viaggio. E una volta risolte le problematiche sulla protezione dei dati degli “utenti”, viene facile pensare che viaggiare sarà proprio una passeggiata.

http://www.digital-cinema.it/wp-content/uploads/2017/01/riconoscimento-facciale.jpghttp://www.digital-cinema.it/wp-content/uploads/2017/01/riconoscimento-facciale-150x150.jpgRedazioneTecnologiaQuanto successo l' 11 Settembre 2001, ha insegnato a tutto il mondo occidentale che la sua sicurezza era un concetto da rivedere. Il sistema di riconoscimento biometrico nella sua capacità di riconoscere l'identità umana può garantire qualcosa di nuovo. Nuovi problemi chiamano nuove soluzioni In perfetta coerenza con la galoppante ascesa...Tecnologia Digitale